Ragazzo marocchino accusato di stupro da un’italiana. Viene arrestato, ma lo salva un audio

JESOLO (VENEZIA) Resta indagato per l’accusa di stupro ma è uscito dal carcere il giovane finito in manette dopo la denuncia di una giovane a Jesolo. Il giudice non ha convalidato il fermo, accogliendo la tesi della difesa, che aveva anticipato alla stampa l’esistenza di un audio inviato via Whatsapp agli amici in cui si dimostrerebbe che la donna era consenziente.

I due giovani erano usciti dal locale «Il Muretto» mano nella mano, si erano allontanati e avevano percorso qualche centinaio di metri. Dopo un po’ lui era rientrato e lei si era seduta all’ingresso. «Mi ha violentata», aveva detto alcune decine di minuti più tardi alle amiche. Le immediate verifiche dei carabinieri sembravano aver inchiodato B.A., 25enne di origini marocchine e residente in provincia di Vicenza,fermato dalla sicurezza della discoteca «Il Muretto» di Jesolo e arrestato. Lui si era subito difeso: «Lei era consenziente». A dimostrarlo c’era, secondo la difesa, un audio registrato durante il rapporto sessuale. Un messaggio che il giovane avrebbe, poi, inviato via Whatsapp agli amici contenente espressioni di apprezzamento da parte della ragazza, una 17enne veronese. Un messaggio che, però, nel suo cellulare non c’era. Lo aveva cancellato, forse, quando ha saputo che lei era minorenne (compirà 18 anni tra pochi giorni). I fatti risalgono a sabato notte. «Le telecamere all’ingresso hanno immortalato la coppia che usciva tenendosi per mano intorno alle 2 – spiega Tito Pinton, gestore de «Il Muretto» -. Un’altra li ha ripresi mentre si allontanavano nel parcheggio a braccetto e si abbracciavano». I due avevano percorso circa 300 metri nel parcheggio e sono rimasti all’esterno una mezz’oretta. Il rapporto, però, sarebbe avvenuto fuori dalla recinzione, nelle vicinanze di un fossato.

Il 25enne, in Italia da molti anni e in attesa della cittadinanza, vive ad Arzignano insieme alla famiglia ed è incensurato. Poco dopo sarebbe rientrato in discoteca da solo. «Lei, invece, si è seduta all’ingresso, è rimasta lì per circa mezz’ora» continua Pinton. A confermarlo, le immagini registrate dalle telecamere. Una mezz’ora durante la quale è stata in silenzio, da sola, fino a che le amiche l’hanno raggiunta. E lei ha raccontato tutto. «Il responsabile della sicurezza all’entrata ha sentito e ha subito soccorso la ragazza – continua -. Ha chiamato un’ambulanza e i carabinieri e abbiamo cercato il giovane». Dopo qualche minuto lo avevano individuato all’interno del locale e lo hanno portato in ufficio, in attesa di consegnarlo ai militari. La collaborazione del locale ha agevolato l’intervento dei militari della compagnia di San Donà, guidati dal capitano Dario Russo, che avevano arrestato il 25enne. Anche perché i riscontri medici hanno confermato la violenza. Eppure il vicentino continuava a ripetere di non aver fatto niente e di non sapere che fosse minorenne.

Dal presidente della sigla Silb di Confcommercio (rappresenta i locali da ballo) Giancarlo Vianello arriva un plauso al Muretto. «Hanno eseguito in alla lettera il protocollo siglato con lo scorso aprile che prevede più controlli della nostra security e stretta collaborazione con le forze dell’ordine – sottolinea -. Appena sono venuti a conoscenza del fatto hanno fornito le immagini delle telecamere, è stato esemplare». Un episodio da chiarire, dice, «importante ma non di rilievo in una stagione che si sta svolgendo in sicurezza. Anzi, Jesolo è una delle città più sicure d’Italia, sia negli spazi privati che in quelli pubblici. Quello di quest’estate è un turismo di quantità, ma di poca qualità: ci sono molte persone per bene, ma c’è sempre qualche mela marcia». Per il sindaco di Jesolo Valerio Zoggia si tratta di un «episodio odioso ma fisiologico in una città che passa da 26 mila abitanti a 500 mila presenze nei fine settimana per tutta l’estate ». La polizia locale è sempre di pattuglia, chiude il sindaco, «ma ci vorrebbero più uomini, abbiamo solo 50 vigili e rispondono a ogni tipo di chiamata, dallo scippo alle lamentele per rumori notturni. Raddoppiandone il numero potremmo certamente dare più risposte, l’abbiamo chiesto in un recente incontro con prefettura, questura e sindaci delle località costiere».

Potrebbe interessarti anche