Marocco – il dramma delle domestiche bambine: Bambina si suicide a causa dei maltrattamenti subiti

Una domestica bambina è morte Mercoledì mattina impiccandosi nella casa dei suoi datori di lavoro in Marocco.

L’eco del terribile incidente risuona in tutta la città di Sidi Slimane, la vittima aveva solo 14 anni, originaria da un quartiere popolare e povero della città di Sidi Slimane, è stata mandata dai suoi genitori a lavorare per conto di una grande famiglia in città.

Secondo una fonte citata da Alyaoum24, la “piccola schiava” è stata vittima di violenza fisica e sessuale da parte dai suoi datori di lavoro, il che spiegherebbe il suo suicidio. Le autorità si sono spostate sul posto per recuperare il corpo e indagare sulle circostanze del suicidio della bambina.

Questa storia porta in mente dei marocchini la storia di Fatima, una piccola domestica che è morta nel 2013 a causa di ustioni che le sono state inferte, per punizione, dai suoi datori di lavoro, un poliziotto ed una insegnante.

Altro episodio drammatico, avvenuto nel 2012. Quello di Khadija, altra “schiava”, ridotta in fin di vita dalle violenze cui la sottoponeva la figlia della padrona di casa. “Ma anche quell’episodio, seppure agghiacciante e commovente insieme, sembra essere stato dimenticato, quasi che la morte di una bambina di undici anni, uccisa a nerbate inflittele da una ragazza poco piu grande di lei, fosse la normalità”.

Potrebbe interessarti anche

Commenti

Loading...