Mariam, Ragazza marocchina diplomata con 100 all’istituto Valle di Padova

Mariam Ouichouani, 19 anni compiuti a maggio e nata a Padova da genitori marocchini, all’Esame di Stato dell’istituto Valle ha preso cento. Il voto più alto per uno studente che ottiene la maturità, unica dell’istituto insieme a un altro ragazzo.

«Non sto più nei miei panni. Sono molto felice» commenta Mariam. «Ringrazio sia i commissari che la presidente (Alessandra Baciga, ndr), ai quali è piaciuta anche la mia tesina finale sugli aspetti negativi e positivi della televisione. D’altronde, per cinque anni consecutivi, ho sempre studiato con impegno costante anche per rendere onore ai miei genitori, che stanno facendo tanti sacrifici per mantenermi agli studi. Attualmente mio padre, che lavorava alla Bartolini, è disoccupato e mia madre si arrangia in un’impresa di pulizie. Per loro non è facile mantenere tre figli agli studi. Uno studia all’Enaip e l’altro è arrivato già all’università». Sei diventata cittadina italiana da poco, ossia dopo aver compiuto i 18 anni.

Cosa pensi del progetto di legge sullo dello ius soli?

«Chi nasce in Italia, anche giuridicamente deve essere riconosciuto italiano. Ormai, per fortuna, sono tanti i paesi nel mondo in cui è in vigore da anni lo ius soli. Esaminiamo, ad esempio, la mia situazione. Sono nata a Padova. Dalle materne alle superiori ho sempre studiato nelle scuole della città, parlo bene la lingua italiana e conosco anche il dialetto. La mia cultura di riferimento è quella italiana. Ho partecipato al progetto Erasmus, con un soggiorno a Siviglia, in Spagna. Vivo come una qualsiasi altra cittadina italiana. Perché dovrei essere etichettata, invece, come straniera, anche se ho il massimo rispetto delle mie radici e parlo anche l’arabo? Tra l’altro, anche se non sono praticante, vivo seguendo le abitudini di una donna araba che non mangia carne di maiale e non beve alcolici».

Oltre agli interessi verso la scuola e la cultura in generale, nella vita privata quali interessi si coltivi?

«Da bambina ho sempre avuto una grande passione per lo sport in genere. Un amore che è diventato ancora più grande da quando, al Valle, ho cominciato ad avere come insegnante di educazione fisica il professore Alessio Giora. Un docente che ha partecipato come membro interno anche agli esami di Maturità. Per me la vita in mezzo al verde e la palestra sono due valori che mi rendono più felice e sempre in forma».

Dopo l’Esame di Stato, andrai all’Università o no?

«Ho deciso di affrontare il test per iscrivermi all’indirizzo Design Industriale dello Iuav di Venezia. Nello stesso tempo, però, cercherò di lavorare come cameriera di bar o di ristorante. Un lavoro, d’altronde, che ho già fatto, a più riprese, anche negli ultimi anni di studi al Valle». “I miei stanno facendo molti sacrifici per farmi studiare Sono contenta di dare loro delle soddisfazioni Adesso farò il test per entrare allo luav”

Felice Paduano

Potrebbe interessarti anche